Blog luca valsecchi approfondimenti

Innanzitutto mi presento per chi accede direttamente a questa pagina: mi chiamo Luca Valsecchisono diplomato in Conservatorio, lavoro per oltre 400 committenti in tutta Italia come compositorearrangiatore ma soprattutto trascrivere musica su spartito (attività che svolgo perlopiù da mattina a sera da oltre 10 anni) mi ha portato ad affermarmi in questo settore a livello nazionale. Sono inoltre un Perito (plagi) accreditato ed iscritto all’albo della Camera di Commercio (richiedimi la documentazione o richiedila direttamente alla Camera di commercio di Lecco). 

Sanremo 2019, la rivoluzione di Baglioni: Sanremo Giovani sarà a dicembre

di Alessandra Boga

Da mesi si è tornati a parlare del Festival di Sanremo per l’organizzazione di quello del 2019. Claudio Baglioni, confermatissimo come direttore artistico dopo lo straordinario successo del 2018, intende apportare alla kermesse significative novità. Quali? Tanto per cominciare, nella prossima edizione, Sanremo Giovani non si terrà più in un unico venerdì sera di febbraio, prima della serata finale in cui si proclamerà il vincitore tra i Big, bensì in due prime serate che saranno trasmesse nel dicembre prossimo sempre su Rai 1. La manifestazione avverrà dal 17 al 21, pochi giorni prima di Natale. “La mia ambizione – ha dichiarato Baglioni, che in questo periodo è impegnato in un grandioso tour per festeggiare i suoi 50 anni di carriera – è riuscire a dare a questa rassegna un’attenzione separata e unica”.

Ci saranno due speciali preserali che presenteranno i 24 artisti in gara: 6 arriveranno da Arena Sanremo, mentre gli altri 18 verranno selezionati dalla commissione artistica. Già oltre 800 i brani presentati e le iscrizioni sono di numero maggiore rispetto al passato. Dopo i due speciali sarà la volta di altrettante prime serate “con la dignità e l’importanza di una serata di Rai 1” – ha sottolineato Baglioni –, per dare il giusto rilievo ai giovani che emergono nel mondo della musica.

Questo perché, è inutile negarlo, “Nel momento in cui questa rassegna si sovrappone al Festival dei Seniores molto spesso è la parte che televisivamente viene confinata all’inizio o alla fine, quando non c’è tutto il pubblico davanti alla TV”, ha spiegato il cantautore. “L’ambizione – ha proseguito – è quella di concedere più spazio ai talenti giovani che esistono in questo Paese”.

I vincitori della manifestazione saranno due: uno per serata ed entrambi accederanno direttamente al Festival dei 24 Big a febbraio.

Chi presenterà Sanremo Giovani? Con ogni probabilità un’insolita coppia formata dallo storico conduttore di Sanremo Pippo Baudo, 82 anni, affiancato dal giovane youtuber e cantante milanese Fabio Rovazzi, 24 anni, lanciato nell’estate 2016 dal suo brano – tormentone “Andiamo a comandare”, con il quale si è aggiudicato addirittura il Disco d’Oro.

Che Baudo e Rovazzi siano i padroni di casa del prossimo Sanremo Giovani, non è ancora ufficiale, ma Baglioni ha spiegato: “Li abbiamo incontrati, ma abbiamo incontrato anche altri … Questa sarebbe un’accoppiata interessante… Io ci sarò, ma non in trasmissione”, ha aggiunto.

Intanto comincia il toto – nomi dei Big di Sanremo 2019: nomi che si scopriranno intorno a metà dicembre. Quali saranno i concorrenti? Tra loro una grande esclusa dello scorso anno, Loredana Berté (la quale ha rivelato che presenterà un pezzo di Gaetano Curreri degli Stadio). Loredana, dopo 13 anni, è tornata lo scorso 28 settembre con un nuovo album, dal titolo “LiBertè”, del quale sono usciti due singoli, “Maledetto Luna – Park” (al quale la sorella Mia Martini la portava da bambina, per farla evadere dalla difficile situazione familiare) e “Babilonia”.

Si parla anche del ritorno di Giusy Ferreri e Gigi D’Alessio (il quale forse duetterà con Nino D’Angelo e con Anna Tatangelo). Gigi ha appena annunciato, ospite da Red Ronnie al Roxy Bar, l’uscita del suo nuovo album, al quale sta ancora lavorando. Ha anche annunciato che il 26, 27 e 28 dicembre sarà in concerto al Palapartenope nella “sua” Napoli.

Ancora: a Sanremo dovrebbero tornare anche Niccolò Fabi, Daniele Silvestri (che festeggia i 25 anni di carriera) e Max Gazzè (sesto classificato e Premio Bigazzi per la miglior competizione musicale lo scorso anno con il brano “La Leggenda di Cristalda e Pizzomunno”, sul famoso monolite di Vieste). I tre artisti lavorano insieme da tempo (quattro anni fa hanno pubblicato l’album “Il Padrone della Festa”) e questa sarebbe il loro primo Festival della Canzone Italiana. I fans si chiedono se abbiano in cantiere un nuovo disco.

Continuiamo con i possibili partecipanti a Sanremo citando i Modà (che lavorano con una nuova etichetta discografica), Alessandra Amoroso (che tuttavia non ha smentito ma neppure confermato la sua partecipazione), Elodie e Michele Bravi, Irene Grandi (che festeggia i 25 anni di carriera), Ivana Spagna e Massimo Ranieri (forse con un testo regalatogli un paio d’anni fa dall’appena scomparso Charles Aznavour). Quest’ultimo, attualmente impegnato a teatro, il 1° settembre è tornato in sala d’incisione per registrare un nuovo album di inediti, che uscirà nella primavera del 2019.

Per finire vedremo ancora tornare ad esibirsi sul palco dell’Ariston Paola Turci, Gianluca Grignani, Nek, Francesco Renga, Arisa e (grande ritorno sulla scena musicale) Luca Carboni.