Blog luca valsecchi approfondimenti

DIFFERENZA FRA INDICAZIONE DI TEMPO, METRO, VELOCITA’ E RITMO

Si fa molta confusione fra questi elementi musicali, tutti estremamente importanti e totalmente distinti l’uno dall’altro.

Una composizione musicale non può iniziare senza l’indicazione del metro, della  velocità e del tempo, altra cosa ancora è il ritmo.

Osserviamo l’esempio a seguire:

Analisi: come prima informazione leggiamo che la semiminima (cioè il metro) va eseguita alla velocità metronomica di 120 BPM (battiti per minuto).

Modificando il tipo di scrittura (riducendo della metà tutti i valori delle note), utilizzando lo stesso metro ma  modificando dimezzando la velocità dei BPM, otterremo il medesimo risultato esecutivo:

Esempi di questo tipo sono pressoché infiniti, e i compositori li utilizzano, naturalmente, non tanto per ottenere lo stesso risultato esecutivo “divertendosi” ad utilizzare scritture diverse (sarebbe un giochino inutile e stupido, naturalmente), bensì per ragioni musicali ben precise, non facilmente comprensibili per chi non ha una solida preparazione musicale.

Le due principali ragioni per le quali si utilizzano questi diversi tipi di scrittura musicale sono le seguenti:

  1. favorire la migliore leggibilità musicale a seconda della tipologia della composizione;
  2. effettuare cambi di tempo, di metro e di velocità all’interno della stessa composizione al fine di ottenere risultati musicali impossibili da ottenere senza utilizzare questi “accorgimenti”.

Iscriviti al mio canale Youtube dove troverai sempre nuove risorse musicali utilissime, come quella che stai leggendo, spiegate da me con appositi video.

Naviga l’home page di questo sito per scoprire e tenerti aggiornato/a su tutte le mie iniziative, unicamente volte alla promozione della cultura musicale applicata, nonché al perseguimento del bene comune.

Il ritmo

Che cos’è e cosa si intende per “ritmo musicale”?

è il risultato che si ottiene innanzitutto dalla diversa successione degli accenti musicali (intesi come accenti naturali, sempre presenti nella musica) e dall’eventuale “ritmo danzante specifico” che si realizza attraverso la costante e ferrea ripetizione (ostinato) di una determinata struttura ritmica specifica.


A seguire un esempio con tre ritmi diversi:





ATTENZIONE: molte volte questi diversi ritmi vengono impropriamente definiti “Tempo di marcia”, “Tempo di valzer”, ecc.

E’ improprio e genera confusione esprimersi in tal modo, visto che “l’indicazione di tempo” è universalmente riconosciuta essere il “quantitativo temporale” da inserire nelle singole misure: 4/4,  2/4, 6/8 ecc.


Si noterà che nel terzo esempio, oltre ad essere cambiati i valori musicali, è stata modificata anche l’indicazione di tempo (da 2/4 a 3/4):

questo produce un’ ulteriore, sostanziale differenziazione ritmica, quella che risponde al nome di “tempo semplice e tempo composto”, sinonimo di “tempo binario e tempo ternario”.

A breve il link per capirne la differenza!