Blog luca valsecchi approfondimenti

Come entrare nel mondo della musica, farsi conoscere, sfondare, fare successo e diventare cantanti o cantautori famosi

Lavorando per oltre 600 committenti, in gran parte cantautori/cantautrici, mi sento spesso fare questo tipo di domande: come si fa a farsi conoscere nel mondo della musica? come si fa a sfondare e diventare famosi con la musica? come si fa a diventare cantanti o cantautori famosi?  come entrare nel mondo della musica e farne un lavoro?

…ecco, fra tutti questi tipi di domande, mi soffermerei sull’ultima:
la musica, se la si vuole far diventare un lavoro, occorre studiarla e molto seriamente.

Pensare di alzarsi al mattino e, solo perché vedendo il ragazzino di turno che senza sapere assolutamente nulla ha saputo “sfondare con la musica”, per giunta, magari, proponendo un “prodotto” che con la musica non ha nulla a che fare…e quindi fare la bella “pensata”: “lo voglio fare anch’io!”

…evidentemente non è una grande idea e nemmeno da persone molto intelligenti se vogliamo dirla tutta.

Per le tue TRASCRIZIONI & PRATICHE SIAE (consulenze, trascrizioni e depositi spartiti, ecc.)

rivolgiti al trascrittore e “perito plagi più ricercato a Sanremo”

(Corriere della Sera 20/01/2019)

www.lucavalsecchi.it

all’attivo collaborazioni con:

M° Vince Tempera – Irene Fornaciari – Maria Teresa Ruta – Loredana Errore – Mediaset – ecc… leggi tutto

Cominciamo a chiarire che il “frutto” di questo “meccanismo perverso” vede la sua origine nell’aver abbassato sempre più l’asticella qualitativa, arrivando ad azzerarla totalmente…scriverò un articolo apposito su questo “discorso”, ma una cosa è certa: con il nulla e proponendo il nulla, tolto un caso su un milione o giù di lì, non si va da nessuna parte, ed anche il protagonista di quell’unico caso su un milione, non penso vada a letto molto orgoglioso/a la sera…quindi, detto questo, cominciamo a ragionare…

Si diceva che se si vuole “entrare nel mondo della musica” facendone un lavoro, occorre entrarci come studenti…e, cari ragazzi, la musica è una disciplina molto, molto, molto complessa (diversamente da chi, dentro e fuori internet, ci “insegna” a fare “produzioni musicali” o a “comporre canzoni” senza sapere nulla di musica…va beh…), occorrono quindi ANNI, MOLTI ANNI di STUDIO DURO, eh lo so…non è quello che volevate sentirvi dire…beh allora vi consiglio di andare a seguire questi “intelligentoni” che vi danno i “buoni consigli” poc’anzi accennati…poi non lamentatevi se nella vita sarete costretti a fare tutt’altro, con molto amaro in bocca, se non con altissimi indici di depressione…nella Vita, senza TANTO SUDORE non si conclude nulla, questa è l’unica verità.

Anche a chi dice che, con l’avvento dei computer prima e di internet dopo, tutto è diventato più facile, rispondo che non ha capito nulla…è esattamente il contrario: come già premesso, con il nulla non si fa nulla, e le macchine (i PC) in quanto MACCHINE mi verrete a dire voi cosa possano CREARE…e visto che la Musica è Arte, è, o dovrebbe essere, l’opera dell’ingegno…vedete un po’ voi.
Non solo: in verità, con l’avvento della tecnologia, occorrono molte, molte PIU’ COMPETENZE rispetto all’epoca pre – tecnologica, e cioè: alle competenze MUSICALI (che rimangono tutte indispensabili) si SOMMANO appunto quelle relative all’utilizzo di una gran quantità di software musicali, i quali, badate bene, da soli non fanno assolutamente nulla!

Certo, tolti quelli che vi mettono a disposizione dei “loop” preconfezionati da assemblare fra di loro, e qua è davvero una tragedia nel vero senso del termine: oltre che non creare assolutamente nulla ovviamente, chi utilizza questo “sistema” per “comporre musica”, proprio nel momento in cui dovesse raggiungere un minimo di riscontro, si troverà nei guai fino al collo…mi si risponderà che questi “loop” sono “royalty free”…ok…questo non significa che potete farne ciò che volete, anzi, vi assicuro che, nonostante quello che tutti pensano, li potete usare solo in casa vostra per divertirvi, e null’altro…tornate a breve sul mio sito, scriverò un bell’articolo in merito…