MARIA CALLAS E RENATA TEBALDI: GRANDI CANTANTI A CONFRONTO

di  Virginia Guidi

Anche chi non è un appassionato di opera lirica ha sentito almeno una volta nominare la Callas o la Tebaldi.

Sono due tra le più iconiche voci dell’opera e sono state sempre considerate l’una agli antipodi dell’altra, gli appassionati si dividevano infatti, e si dividono tutt’ora, come sostenitori o dell’una o dell’altra… un po’ come tra Beatles e Rolling Stones!

Ma vediamo più nel dettaglio le differenze fra queste due eccezionali cantanti.

IL M° prof. LUCA VALSECCHI seleziona MUSICISTI PROFESSIONISTI per produzioni musicali in corso.

Maria Callas

Maria Callas, nome d’arte di Maria Anna Cecilia Sofia Kalogheropoulou, famoso soprano di origine greca, nasce a New York nel 1923 e muore a Parigi nel 1977.

Donna e artista di grande carisma, la sua figura è sicuramente ammantata di leggenda e magia.

Il bel mondo di Milano la trasforma profondamente. Infatti la ragazza prosperosa diventa irriconoscibile in poco: dimagrì molto velocemente e riuscì a enfatizzare quella sua bellezza così particolare e quegli occhi così intensi.

La storia con Onassis, tutt’altro che felice, fu però il croce via sia della sua vita privata che della sua carriera perché la scosse profondamente.

Morì poco più che cinquantenne.

Renata Tebaldi

Renata Tebaldi, nata a Pesaro nel 1922 e morta a San Marino nel 2004, fu un soprano italiano di fama mondiale.

Debuttò nel 1944 ancora durante la guerra e cantò nel 1946 per l’inaugurazione del Teatro alla scala di Milano ricostruito dopo i bombardamenti.

Da lì fu un’ascesa continua. Chiuse la sua carriera nel 1976 con un concerto estremamente sentito dal pubblico di affezionati e con sette bis!

La sua vita sentimentale non fu felice ma riuscì a non venirne travolta.

Callas e Tebaldi: due voci molto diverse

Maria aveva una voce non molto omogenea nei vari registri vocali ma con un’espressività molto elevata.

La sua duttilità era talmente grande che interpretò ruoli diversissimi tra loro, da quelli di maggior agilità fino a quelli più drammatici, passando anche per la mezzosopranile Carmen!

Renata invece aveva una voce ampia e calda, aveva una tecnica limpida che la portò da Rossini a Wagner.

Apprezzata fortemente da Toscanini fu da lui stesso definita una voce d’angelo.

Una voce carnale l’una, una voce cristallina l’altra.

Durante gli anni in cui Maria e Renata calcarono le scene dei più grandi teatri del mondo la rivalità era incentivata dai media e dal pubblico, ma le loro doti così diverse le rendono imparagonabili e ancora, a distanza di anni, due miti e due punti di riferimento per i cantanti e gli amatori di ogni età!