ENNIO MORRICONE: AMBITI E STILI COMPOSITIVI


Il M° Ennio Morricone è senza dubbio associato all’impressionante corpus di composizioni per il cinema, da lui realizzate nel corso di circa 50 anni di carriera.

La sua attenzione verso la musica d’arte è altresì parte integrante della sua parabola artistica, tanto che egli fece parte nella veste di trombettista-compositore dello storico ensemble  Nuova Consonanza, il quale ha offerto un importante contributo alla musica d’avanguardia.

La produzione colta

L’interesse che Ennio Morricone ha nutrito nei confronti della musica d’arte si può apprezzare nel considerevole catalogo di opere che il Maestro ci ha lasciato.

La formazione accademica in ambito compositivo avvenuta studiando al Conservatorio di Roma  (non bisogna dimenticare il diploma conseguito in Tromba) si è forgiata nella classe del M° Goffredo Petrassi, uno dei più importanti compositori italiani del XX secolo.

La sua sterminata produzione colta spazia fra la musica sacra (fra le Sue ultime composizioni  la Missa Papae Francisci dedicata a Papa Francesco con prima esecuzione a Roma nel 2015), composizioni per strumento solista ed orchestra, vocali e corali, musiche per balletti, ecc.

In questi lavori non è raro l’utilizzo del nastro magnetico, a testimonianza dell’attenzione del compositore nei confronti della musica elettronica d’avanguardia.

Il contributo del M° Ennio Morricone alla musica leggera

Agli esordi della sua carriera Ennio Morricone si dedicò alacremente all’attività di arrangiatore, raggiungendo degli esiti artistici all’epoca senza uguali.

Egli portò in quest’ambito tutta la sua sensibilità e la sapienza di compositore colto, realizzando delle raffinate orchestrazioni che hanno impreziosito ed elevato  le relative canzoni, consegnandoci così molti fra i capolavori di questo genere.

In questi brani era solito inserire rielaborazioni dal repertorio colto “per andare oltre la canzone stessa“, senza rinunciare al contrappunto, improvvisi cambi di ritmo e inconsuete soluzioni rumoristiche, certamente di derivazione “avanguardiste”.

Il suo lavoro di arrangiatore e compositore contribuì in maniera determinante al successo di numerosi artisti come Gianni Morandi, Edoardo Vianello, Gino Paoli, Paul Anka, senza dimenticare la celeberrima “Se telefonando” non solo arrangiata come viene scritto da più parti ma letteralmente composta e naturalmente orchestrata dal M° Morricone, su testo di Maurizio Costanzo e Gaetano De Chiara (fonte Archivio Siae).

Le pregevoli e indimenticabili colonne sonore del M° Ennio Morricone

Volutamente in coda in ordine di esposizione le colonne sonore del M° Morricone, in quanto talmente conosciute (e premiate) in ogni ambito internazionale che poco o nulla di dignitoso vi si potrebbe azzardatamente aggiungere, se non il fatto di sostituire il mero (infinito) elenco di colonne sonore con la  loro analisi compositiva, sicuramente già avviata in più contesti ma che meriterebbe un lavoro enciclopedico che gli possa rendere giustizia, utilizzabile in ambito accademico – compositivo come irrinunciabile base d’appoggio per un reale sviluppo della “Scuola morriconiana“.

I Compositori e gli Editori che fossero interessati a sviluppare il progetto non hanno altro da fare che contattarmi.